Petizione al Sindaco di Firenze

Petizione al Sindaco di Firenze   

Sono otto le associazioni prime firmatarie della petizione popolare al Sindaco Renzi per promuovere bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo. Il centro storico di Firenze – si ricorda nell’appello – è stato dichiarato Patrimonio mondiale e posto sotto tutela dell’UNESCO sin dal 1982. L’iniziativa è il prodotto dell’associazionismo cittadino che non si rassegna a delegare il governo dei problemi di Firenze all’amministrazione, giusto una volta ogni cinque anni, ma ritiene necessario ascolto e partecipazione alle scelte sul futuro della città. Per questo si sono messe in rete le associazioni sia dei fiorentini di nascita, sia dei fiorentini d’adozione. La promozione della bellezza e della legalità è infatti obiettivo comune a tutti coloro che amano Firenze e questa zona del centro storico in particolare. Bellezza e legalità sono inoltre le migliori parole d’ordine per costruire percorsi di integrazione e di cittadinanza attiva e responsabile.

 Petizione popolare al Sindaco di Firenze
 per la promozione della bellezza e della legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo
“Chi fa politica non può solo parlare, chiacchierare, disquisire.
Occorre fare. Il coraggio di promettere cose concrete. E di realizzarle”
(Matteo Renzi, 100 punti per Firenze, giugno 2009)

al Sindaco di Firenze
al Presidente del Consiglio Comunale di Firenze

 I sottoscritti fiorentini di nascita o d’adozione, stanchi di assistere inermi al degrado che devasta questa splendida zona del centro di Firenze, a fronte delle costanti rassicurazioni - tuttavia improduttive d’effetti concreti - fornite dall’Amministrazione Comunale nel corso della periodica manifestazione “100 luoghi”

constatato

  1. che il centro storico di Firenze è stato dichiarato Patrimonio mondiale e posto sotto tutela dell’UNESCO sin dal 1982, quale patrimonio artistico-culturale di valore universale eccezionale per l’umanità intera, dunque da salvaguardare per le generazioni future,
  2. che la zona tra via Panicale, via Guelfa, via San Zanobi, via della Stufa, via dell’Ariento, via Sant’Antonino, piazza San Lorenzo e piazza del Mercato Centrale è storicamente connotata dalla singolare bellezza dell’incontro di persone, scambio di prodotti e di culture diverse,
  3. che si approssima la stagione di massima frequentazione turistica della zona,
  4. che rispetto ai “100 punti per i primi 100 giorni”, presentati pubblicamente dal candidato Sindaco Renzi nel giugno del 2009, è finora mancata la piena attuazione:
  • del punto 8) Pronti? Via!: che prevedeva la selezione di dipendenti pubblici per monitorare le esigenze nei quartieri di piccoli interventi (buche, scritte sui muri etc.),
  • dei punti 13 e 14) Stop al degrado - Niente alibi per chi sporca: che prevedevano durissime sanzioni per le irregolarità riscontrate, e il raddoppiamento di cestini, posacenere e bagni pubblici,
  • del punto 31) Fai sparire il cassonetto: che prevedeva la presentazione della tempistica d’interramento con l’indicazione delle date effettive d’inizio e fine lavori,
  • del punto 64) Ma la notte sì: che prevedeva l’approvazione in Giunta di un atto d’indirizzo sulla notte in città, con l’apertura prolungata delle Biblioteche fino alle ore 24 e l’apertura notturna di una chiesa e di un museo diverso ogni sera,
  • dei punti 83 e 84) San Lorenzo e Sant’Orsola: che prevedevano l’adozione di un atto d’indirizzo per il rilancio dell’itinerario tra lo spazio di Sant’Orsola, il Mercato Centrale, la Basilica di San Lorenzo e le cappelle Medicee; l’approvazione del piano tecnico dei lavori della struttura di Sant’Orsola, e il successivo trasferimento del Liceo Artistico,
  1. che si è aggravata in maniera insopportabile la situazione d’igiene pubblica e di degrado urbano a causa del:
  • costante rinvio dell’esecuzione del piano di riqualificazione di piazza del Mercato Centrale,
  • costante rinvio della ripavimentazione di via Panicale, unico accesso della mobilità privata alla zona di piazza San Lorenzo e del Mercato Centrale,
  • constante rinvio dell’esecuzione dei progetti di riqualificazione della struttura di Sant’Orsola, da più di trent’anni inutilizzata, con la conseguenza che ampi spazi destinabili alla collettività risultano completamente abbandonati incrementando il degrado: condizione intollerabile, dovuta in primo luogo alla mancanza da parte dell’Amministrazione pubblica di sinergie tra i propri comparti e di capacità d’ascolto dei residenti sui destini dell’immobile,
  • costante rinvio dell’esecuzione dei piani di riqualificazione del sistema del commercio ambulante, su cui grava l’assenza di provvedimenti in grado di promuovere prodotti di artigianato di qualità e di provenienza locale,
  1. che si è verificato uno spropositato concentramento di negozi con licenza di somministrazione di alimenti e bevande, da cui deriva l’aumento di indecenti bivacchi sui marciapiedi; gli avventori infatti, non avendo a disposizione servizi igienici (né presso detti esercizi, né pubblici) e cassonetti dei rifiuti utilizzabili (in quanto spesso stracolmi di imballi e materiali indifferenziati), aggravano la situazione generale di degrado, abbandonando anche bottiglie di vetro, che, ridotte in frantumi, rappresentano un quotidiano pericolo per tutti coloro che frequentano l’area pubblica di piazza del Mercato Centrale e via Panicale,

fanno appello al Sindaco Matteo Renzi

  1. affinché interrompa il circuito che aggiunge emarginazione a emarginazione, che oltre ad essere lontano dai valori della Costituzione della Repubblica Italiana fondanti la nostra convivenza, porta all’incremento di fenomeni di marginalizzazione e razzismo,
  2. affinché intervenga immediatamente sulla specifica situazione di emergenza delle condizioni d’igiene pubblica di piazza del Mercato Centrale, in quanto Autorità garante della Salute Pubblica di questa città, avviando procedure di controllo delle condizioni igieniche in cui si trovano forzatamente ad operare gli operatori commerciali che affacciano sulla piazza; dove - a meno di 10 metri di distanza da numerosi dehor di esercizi di ristorazione - si trovano oltre 20 cassonetti e il compattatore della Quadrifoglio,
  3. affinché sia attuato un piano di interventi di straordinaria manutenzione della viabilità di via Panicale, piazza del Mercato Centrale e piazza San Lorenzo. Nell’ottica di una valorizzazione delle piazze come luoghi di aggregazione delle famiglie e come strumento di contrasto al degrado, e in vista della stagione di massima frequentazione turistica, si evidenzia la necessità improcrastinabile d’intervento su piazza del Mercato Centrale,
  4. affinché sia presentato un piano d’intervento, d’intesa col Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, per specifiche operazioni di contrasto del degrado e di controllo continuativo nel tempo sugli esercizi commerciali - in primo luogo da parte dei servizi di Polizia Urbana, ma anche attraverso agenti in borghese delle Forze dell’ordine - per verificare infrazioni delle norme igienico sanitarie, sulla contraffazione dei prodotti etc., e altresì per verificare l’ottemperanza delle normative che regolano le locazioni ad uso commerciale e abitativo, le destinazioni d’uso, le condizioni di sovraffollamento etc. degli immobili della zona,

chiedono di conoscere

  1. quali provvedimenti intenda adottare per aumentare la partecipazione cittadina nei processi di progettazione urbanistica e di riqualificazione della zona, e quali i tempi della loro attuazione,
  2. quali siano i gli stanziamenti nel bilancio di previsione atti a finanziare i progetti di riqualificazione della zona,
  3. quali provvedimenti intenda adottare considerando, che non può più essere rimandata, vista l’urgenza, la realizzazione di alcuni progetti di assetto degli spazi pubblici, che occorre “svincolare” dai tempi e dalle procedure le successive operazioni per realizzare almeno la sistemazione di via Panicale (con rifacimento del manto stradale, marciapiedi, caditoie, dissuasori, rastrelliere, etc.) e che, prendendo atto dell’approssimarsi della stagione estiva, si è resa necessaria la sistemazione dei cassonetti e contenitori per la nettezza urbana in piazza del Mercato da collocare in un piano interrato, sotto la piazza e la sede stradale assieme a uffici amministrativi e di vigilanza, infermeria, servizi igienici con docce, parcheggi pubblici e privati, magazzini e celle frigorifere, piazzole di scarico/carico merci, rimesse per auto, motorini e biciclette,
  4. quali provvedimenti intenda adottare di concerto con il Comando di Polizia municipale per adeguare il servizio alle esigenze sopra segnalate,
  5. quali procedimenti siano stati attivati, ovvero se intenda predisporli, per l’accertamento dei responsabili dei ritardi nei piani esecutivi, omessi controlli, mancata attuazione di attività di vigilanza igienico-sanitaria etc. a tutela del decoro e dell’immagine della città d’arte. 

I primi firmatari sono:
Associazione Insieme per San Lorenzo
Parrocchia di San Lorenzo – Priore di San Lorenzo Mons. Angiolo Livi
Istituto Lorenzo de’ Medici
Associazione Culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini
Fondazione Studio Marangoni
Associazione Marionda artisti per Firenze
Associazione comunità peruviana a Firenze
A
ssociazione del Bangladesh Firenze

Si può firmare:
ERBORISTERIA GIOVANNA - Interno Mercato Centrale di San Lorenzo
FARMACIA FRANCHI - Via Ginori, 65r.

FARMACIA SAN LORENZO - Piazza San Lorenzo, 11r.
FARMACIA TORRINI - Via Guelfa, 84r.
GALLERIA IMMAGINARIA - Via Guelfa, 22/Ar.

LA TUA EDICOLA - Via San Gallo, 15r.
LIBRERIA PULITI - Via Taddea, 27r.

MAMA BAR - Via Guelfa angolo Via Panicale
PIZZERIA LO SPUNTINO - Via del Canto De Nelli, 14/16r.
STELLINI CENTRO CALZA - Via Nazionale, 104
GARAGE DELLE TERME - Via delle Terme 47r.

Altrimenti scrivere a: info@insiemepersanlorenzo.it

 

 

Download

Rassegna Stampa